Armillaria mellea

By | 12 settembre 2018

PERIODO E RACCOLTA

Autunno

 

DESCRIZIONE

Cappello: 4 – 10 (12) cm, dapprima globoso, poi convesso ed infine appianato. Il colore della cuticola da bruno giallastro a bruno scuro, mantiene a lungo il margine pallido-biancastro. Cosparso da piccole squamosette che tendono a sparire con l’età. Lamelle abbastanza fitte, larghe, bianche poi giallastre ed infine maculate di rosso. Gambo fibroso-legnoso di colore bianco cilindraceo, anello membranoso, alto, cotonoso all’origine. Carne biancastra, lasciate il gambo, in quanto coriaceo, e raccogliete solamente il cappello.

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

Armillaria mellea

PROPRIETÀ ORGANOLETTICHE

Odore fungino e di sapore amarognolo.

 

HABITAT

Su vecchie ceppaie, ma anche su radici di latifoglie e conifere sia vive che morte. Crescita molto abbondante.

 

NOME SCIENTIFICO

Armillaria mellea.

 

NOME DIALETTALE

Chiodino –  famigliola buona.

 

COMMESTIBILITÀ

Commestibile.

 

NOTE

Si raccomanda di consumarlo ben cotto, diversamente potrebbe dare dei disturbi.

P.S  Si consiglia di non raccoglierla per il consumo dopo una gelata perchè diventa tossica.

Comments

Category: