Auricularia auricula-judae

di | 27 Febbraio 2019

Chiamato anche “Orecchio del legno“, in Cina “Medusa dell’albero“, in Giappone e da noi “Orecchio di Giuda” per la sua forma che ricorda un orecchio umano e per la leggenda che lo vuole nato sull’albero dove Giuda s’impiccò dopo aver tradito Gesù.

Auricularia auricula-judae

Auricularia auricula-judae

In Oriente è stato il primo fungo coltivato già a partire dal VII secolo d.c..

Fungo pressoché inconfondibile, è reperibile facilmente anche nel nostro territorio, cresce per lo più dal tardo Autunno fino in Primavera, durante l’anno spunta dopo le piogge se il tempo si mantiene umido.

Cresce singolo ma anche a gruppi, in ordine sparso e si insedia su alberi secchi o su parti morte di piante vive, specialmente su sambuco nero, olmo, acero o altre latifoglie. In Oriente cresce su Mango.

Auricularia auricola-judae

Auricularia auricola-judae

Ha un cappello a forma di orecchio e a volte si intravvede un piccolo gambo concavo, misura dai tre ai dieci centimetri, il suo colore va dal rossiccio al marrone e si scurisce con l’invecchiamento.  Una fine peluria rende il cappello vellutato all’esterno, mentre la parte interna sporigena è liscia, più chiara con venature.

L’odore è subnullo, il sapore è dolciastro, la carne è elastica, cartilaginea, che col tempo diviene secca, ma ritorna alla sua consistenza gelatinosa dopo l’idratazione.

Auricularia auricula-judae

Auricularia auricula-judae

Si comporta da fungo saprofita decompositore, si può consumare allo stato secco, fresco o in polvere; considerato una delizia nei ristoranti cinesi grazie ai quali la sua conoscenza si sta propagando anche da noi, tuttavia non viene raccolto e apprezzato nel nostro paese.

A Taiwan l’ “Orecchio di Giuda,” viene aggiunta alla farina con cui i fornai preparano il pane per la popolazione, lo scopo è di raggiungere un gran numero di persone nel modo più semplice possibile e migliorare cosi’ la salute anche di chi vive nelle aree più lontane del paese.

Auricularia auricula-judae

Auricularia auricula-judae

L’abbondante contenuto di adenosina, rende il fungo particolarmente utile nelle patologie del sistema nervoso e quello cardiovascolare, sia come prevenzione, sia come riduzione dei sintomi. E’ un potente antinfiammatorio naturale.

In Europa se ne raccomanda l’uso in caso di problemi auricolari, secondo la “teoria delle similitudini” di Paracelso.

Una curiosità: è stata dimostrata la sua altissima capacità di assorbire il rame dal terreno, quindi di accumularlo, per tale ragione è stato studiato come biassorbente di questo metallo per il recupero di sostanze di rifiuto prima del rilascio in ambiente.

Auricularia auricula-judae

Auricularia auricula-judae

Auricularia auricola-judae

Auricularia auricola-judae

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attenzione se associato a zenzero o a particolari farmaci anticoagulanti, questo fungo, contenendo  sostanze antiaggregante-piastrinica (effetto anticoaugulante analogo all’acido acetilselicilico-aspirina) può provocare epistassi o sanguinamenti, tipici della sindrome Szechwan.

Si consiglia di consumare questo fungo non troppo di frequente o in quantità non eccessive.

 

 

 

Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.