L’orbettino

By | 30 maggio 2018

Orbettino (Anguis fragilis Linnaeus, 1758)

Nomi dialettali: urbèin, urbighin, urbigol, orbsina, sisoela, orbèin, orbighell, giazzòl, giasöl, urbètt, cesia, cesiola, orbina, orbsèin, vadariel.

Si tratta di una lucertola che nel corso dell’evoluzione ha perduto completamente gli arti. È di abitudini prevalentemente notturne. Con una lunghezza massima superiore ai 50 cm, può essere scambiato facilmente per un serpente, oltre il 60% della sua lunghezza però spetta alla coda che, come nelle lucertole, si spezza facilmente se sottoposta a traumi. Oggigiorno questo rettile è molto scarso e localizzato in pianura; più comune e ampiamente distribuito in collina e nell’Appennino, soprattutto tra i 400 e i 900 m s.l.m. Occasionalmente è stato segnalato anche negli orti e nei giardini periferici di Reggio Emilia. L’Orbettino frequenta prati più o meno incolti, margini boschivi, radure, coltivi, zone cespugliate, orti e giardini purché abbiano un certo grado d’umidità.

Orbettino

Orbettino

 

 

 

 

 

 

 

Che questa specie sia amante dell’umidità è noto, essendo facilmente osservabile dopo i temporali primaverili ed estivi intento alla caccia di lombrichi e lumache. I rifugi e le tane letargiche si trovano spesso sotto grossi massi, tra le radici di vetusti alberi, oppure sotto cataste di legna o nelle crepe più profonde di muri o muretti. La stagione degli amori  ha di solito luogo in maggio e il ciclo riproduttivo è biennale. È una specie ovovivipara e i piccoli, in numeri di 6/19, nascono di solito a fine estate – inizio autunno.   I maschi sono,  a parità di età, più grandi delle femmine.  Tra le nostre popolazioni montane, e non solo, si credeva, e ancora a volte tuttora si crede, che l’orbettino sia cieco e più velenoso della vipera, infatti un vecchio proverbio ammoniva:  

” Se l’Urbèin a ghè vdèss e la vèpra a-gh sintèss, al mònd an-gh’ srev nissùn” ( Se l’orbettino ci vedesse e la vipera ci sentisse al mondo non ci sarebbe più nessuno).

 

Orbettino

Orbettino

 

 

 

 

 

 

.

 

Comments