Campo Lupo 9-10-11 Marzo 2018 Appennino Tosco Emiliano

By | 26 marzo 2018

                                         Campo concluso!

Nonostante le previsioni meteo non favorevoli, abbiamo effettuato 2 escursioni importanti: il Venerdì nei pressi del M. Cusna con uno scenario spettacolare;

Monte Cusna

Monte Cusna

Monte Cusna

Monte Cusna

 

 

 

 

 

 

Parte del gruppo

Parte del gruppo

 

 

 

 

 

 

Il Sabato ben 16 Km di cammino su neve nella valle dei Gessi Triassici. I segni di presenza del predatore non sono mancati con una piacevole sorpresa finale.

Sullo sfondo il Ventasso

Sullo sfondo il Ventasso

Gessi Triassici

Gessi Triassici

Probabile sito di consumo

Probabile sito di consumo

Fatta di lupo

Fatta di lupo

 

 

 

 

 

Dopo tanto cammino finalmente in pausa

Dopo tanto cammino finalmente in pausa

Parte del gruppo

Parte del gruppo

Sullo sfondo la Pietra di Bismantova

Sullo sfondo la Pietra di Bismantova   

La piena del fiume ha reso impraticabile il passaggio

La piena del fiume ha reso impraticabile il passaggio

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Un bel gruppo di partecipanti che saluto con un abbraccio, molto interessati , sensibili alle problematiche della natura e con spirito di adattamento, indispensabile in un campo invernale.
Ringrazio il Dott. Luigi Molinari tecnico del Parco Appennino Tosco Emiliano che come sempre ci supporta nel campo con competenza e passione.
Un ringraziamento al Dott. Massimo Gigante della Società Reggiana di Scienze Naturali che ci ha fatto conoscere gli anfibi della provincia di Reggio Emilia. Il Sabato a dispetto delle previsioni, le nuvole, seppur minacciose, ci hanno accompagnato tutto il giorno fortunatamente senza infastidirci con la pioggia. Abbiamo deciso di non fare per il ritorno la strada percorsa all’andata ed abbiamo proceduto per il borgo di Fontanagatta. Percorso ad anello lungo ma più agevole che ci ha riportato alle auto.
Al rientro ci siamo concessi un meritato riposo all’ostello, in attesa della cena, a base di tortelli e gnocco fritto.
La Domenica si è aperta con pioggia abbondante quindi, abbiamo visionato vari reperti ed immagini al rassicurante calduccio dell’ostello.

Durante il viaggio, lungo la strada per Sologno una zampa di capriolo tradisce la presenza di un animale. Non ci siamo lasciati sfuggire l’occasione e nonostante la pioggia siamo andati a verificare.

Abbiamo trovato i resti di un capriolo, con consumo compatibile da parte di più lupi.
Singolare che durante la ricerca del possibile morso retromandibolare (che non abbiamo evidenziato) si siano rinvenute numerose zecche ancora attive sul collo dell’animale. Tenuto conto del periodo dell’anno in cui ci troviamo e delle condizioni meteo straordinariamente rigide del mese di Febbraio (Villaminozzo – 13° con 60/80 cm di neve) siamo rimasti sorpresi della presenza di questi parassiti.

Il capriolo nel torrente

Il capriolo nel torrente

Zampa di capriolo

Zampa di capriolo

Sono evidenti le costole spezzate

Sono evidenti le costole spezzate

                                                                                                                                                                                                                                

                       

   

                                                             Al prossimo campo!                                                                                                                                            

Comments

Lascia un commento