Consigli utili per appassionati fungaioli

By | 19 maggio 2017

  Con i funghi non si scherza

  • Le specie velenose dopo l’essicamento non perdono tale caratteristica, anche a distanza di molti anni dopo la raccolta;
  • Sono ritenute non vere e prive di ogni fondamento le teorie secondo le quali facendo bollire i funghi insieme all’argento o all’aglio, quest’ultimi si anneriscono in caso di funghi velenosi o tossici. Questi mezzi empirici popolari, sono stati la causa, soprattutto in passato, di numerosi casi di avvelenamento;
  • Per una corretta identificazione, i funghi devono essere raccolti interi, prendendo il gambo con delicatezza, torcendolo per estrarlo. Ricordiamoci di richiudere il buco per far sì che si preservi il micelio e non si secchi;
  • Raccogliamo sempre funghi che conosciamo e comunque, mai fidarsi della prima persona che dice: “li ho sempre mangiati…”. Anche in caso di  minimo dubbio, è necessario portarli presso l’Ausl in maniera che vengano determinati da chi di competenza. Ci sono funghi commestibili, tossici e anche mortali.
  • Un fungo di una determinata specie non ha sempre il medesimo aspetto, questo può variare in base alle condizioni climatiche: caldo, freddo, pioggia, vento…
  • Bisogna fare attenzione ai funghi che vengono raccolti in campagna, specialmente in prossimità di frutteti; non possiamo immaginare i trattamenti chimici che vengono fatti sin dalla fioritura fino alla raccolta dei frutti. Tutti i vapori sprigionati da questi trattamenti ovviamente si depositano sul terreno, pertanto prestiamo attenzione e non raccogliamo funghi che facilmente possono essere stati contaminati dai pesticidi.
  • Infine, alcuni consigli pratici: abbigliamento adeguato, pantaloni di buon spessore, calzettoni lunghi per proteggersi dal morso della vipera, spray antizecche, scarponi con suola antiscivolo, cestino oppure gerla, bastone, coltellino per la pulizia dei funghi, impermeabile perchè in montagna le condizioni meteo cambiano tempestivamente.

Ed ora, se siete stati diligenti e avete segnato sul calendario i temporali che ci sono stati, le variazioni meteo, le giornate soleggiate…bè, non vi resta che dare la caccia al primo Re 2017.

In bocca al fungo ragazzi!

Boletus aestivalis

Boletus aestivalis  commestibile

Amanita muscaria tossica

Amanita muscaria tossica

Amanita virosa

Amanita virosa  mortale

Comments

Lascia un commento