Bianca e candida ma non perdona

By | 13 febbraio 2016
Monte Cusna

Monte Cusna

L’inverno non è ancora finito e finalmente sul nostro Appennino è giunta molta neve, sempre molto affascinante.                                                                                                                                                                                   Sdraiato sulla neve, con lo sguardo rivolto al cielo, mi guardo attorno e la mente vaga. I ricordi vanno a quando ero bambino e giocavo sulla neve con gli altri ragazzini del paese, incoscienti del pericolo; su e giù per i campi con una slitta costruita con materiali di recupero (allora sì che si riciclava!!!), rappezzata più volte e sicuramente senza freni. Non posso che sorridere e pensare a quante volte “sia andata bene!”.                             Un rischio reale è la valanga; tecnicamente si tratta di un distacco di una massa nevosa in equilibrio instabile che scende lungo le pendici montane e che può essere provocata da un rialzo termico, o dallo spessore del manto nevoso o ancora dalla pendenza della montagna.

Il distacco  può essere causato anche da uno sciatore che fà fuori pista, oppure semplicemente da un                    ciaspolaio in passeggiata, alle volte basta davvero poco!

valanga

valanga.

 

 

Il periodo peggiore in cui si può incorrere in una valanga è la primavera, infatti, dopo una abbondante nevicata, le temperature in aumento possono rappresentare un’ulteriore variabile in un’equilibrio già precario.

 

Erroneamente si pensa al pericolo derivante da masse di neve enormi, in realtà è sufficiente una  “piccola” slavina per intrappolarci.

Un consiglio a chi ama frequentare la montagna innevata: esiste uno strumento elettronico (ARVA o ARTVA) che trasmette un segnale radio in caso d’incidente e che permette di essere rintracciati.

Alla fine  vorrei  aggiungere  che  nel nostro appennino reggiano, abbiamo posti e piste  sciistiche  attrezzate, vedi Febbio  2000 e Cerreto laghi.

Faggi innevati

Faggi innevati

 

 

 

 

 

 

E allora vi consiglio,usiamo le piste sciistiche, senza avventurarci in azzardi pericolosi.

Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.